Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono utilizzati soltanto cookie di servizio e analisi che non raccolgono vostre informazioni personali. Vi invitiamo ad accettarli.

Copyright 2019 - © Don Calabria missioni sostegno sanità onlus

San Giovanni Calabria

San Giovanni Calabria - cenni biografici - vedi il sito ufficiale dell'Opera don Calabria

Giovanni Calabria nacque l’8 ottobre 1873 a Verona in una famiglia molto povera. Fin da piccolo sentì la vocazione al sacerdozio e con grande volontà, nonostante le difficoltà, riuscì a diventare prete nel 1901. Fin dai primi anni ebbe una grande attenzione per i bambini abbandonati, che erano assai numerosi nella Verona del tempo.
L’Opera di don Calabria nacque la sera del 26 novembre 1907, quando il fondatore accolse in una piccola casa di Verona, in Vicolo Case Rotte, sette piccoli orfani. Negli anni successivi don Giovanni non mancò mai di ricordare che il primo obiettivo dell’Opera doveva essere quello di aiutare i fanciulli in difficoltà. Li chiamava “buoni fanciulli” e affermava che erano loro la vera ricchezza dell'Opera.
Ben presto i “buoni fanciulli” diventarono centinaia e poi migliaia. Don Calabria aprì case di accoglienza in tante città italiane, affidandosi sempre alla Divina Provvidenza per il loro mantenimento. Voleva che nelle case regnasse uno spirito di famiglia, perché fosse chiaro a tutti che Dio è Padre e vuole bene ai suoi figli. Egli non si limitava ad accogliere i ragazzi, ma cercava di offrire loro la possibilità di istruirsi e imparare un mestiere. L’Opera cominciò a crescere rapidamente, raccogliendo intorno al fondatore un gruppo di sacerdoti e laici di buona volontà.
Don Giovanni Calabria morì nel 1954, ma la sua Opera proseguì attraverso le due congregazioni religiose da lui fondate: i Poveri Servi e le Povere Serve della Divina Provvidenza. Oggi le case calabriane sono presenti in molti Paesi del mondo e come attività principale continuano ad accogliere ragazzi in difficoltà. Don Calabria è stato canonizzato da Giovanni Paolo II nell’aprile 1999. 

f t g m